Il soprano Paoletta Marrocu possiede una voce che si distingue per la sua unicità di timbro e colore. Riesce a plasmare i diversi personaggi del suo vasto repertorio con ricchezza di sfumature, accenti ed espressioni, creando sempre nuove ed irripetibili emozioni. Ad una "voce sonora, che si proietta nel teatro e che si sente", si uniscono le qualità drammatiche di "un'attrice che si muove con disinvoltura e sa ben realizzare le indicazioni registiche" (G. Landini in L'Opera Anno XVII – N° 172). Un "fisique du rôle" ed una femminilità invidiabili completano il profilo di quest'artista che sa fare dell'opera un vero e proprio "teatro in musica".

Paoletta Marrocu si diploma col massimo dei voti al Conservatorio di Cagliari con Lucia Cappellino and si perfeziona con Renata Scotto.

Il suo vasto repertorio include i ruoli di Orfeo, Norma, Lucrezia Borgia, Aida, Alzira, Giovanna D’Arco, Carmen, La Wally, Fedora, Manon Lescaut, Tosca, Suor Angelica, Madama Butterfly, Turandot, e i ruoli principali in Il Turco in Italia, Don Giovanni, La clemenza di Tito, Nabucco, Macbeth, I Vespri siciliani, Il Corsaro, Don Carlo, Un ballo in maschera, Il Trovatore, Falstaff, Mefistofele, La Bohème, La Fanciulla del West, Senso, Il Tabarro, Andrea Chénier, Cavalleria rusticana, Poliuto. Per la musica sacra: Gloria di Vivaldi, Stabat Mater di Pergolesi, Missa Solemnis di Beethoven, Messa da Requiem di Verdi per citare solo le più note.                                                       Ha calcato le scene dei teatri tra i più importanti al mondo come Auckland, Amburgo, Barcellona, Berlino, Bologna, Bruxelles, Cagliari, Firenze, Francoforte, Genova, Madrid, Milano, Monaco di Baviera, Palermo, Parma, Oslo, San Diego, Seoul, Shanghai, Tokyo, Torino, Venezia, Verona, Vienna, Washington, Zurigo. Ha collaborato con nomi del calibro: P.Stein, L.Ronconi, R.De Simone, D.Pountney, R.Carsen, A.Homoki, G.Vick, G.Krämer tra i registi e Z.Metha, R.Muti, M.Plasson, D.Harding, E.P.Salonen, R.Chailly, G.Gelmetti, C.Thielemann, F.Welser-Möst, N.Luisotti, K.Nagano e D.Oren tra i direttori d’orchestra.

Nel 2012 si è esibita con la London Philarmony Orchestra diretta da Esa-Pekka Salonen alla Royal Festival Hall di Londra ne Il Prigioniero di L.Dallapiccola, live su BBC. E' stata ospite della Swedish Radio Symphony Orchestra  quale interprete di Cavalleria Rusticana e Tabarro sotto la direzione di un ispiratissimo Daniel Harding, trasmesse entrambe live sulla Radio Svedese e BBC. Ha interpretato la diabolica Lady in 4 memorabili rappresentazioni di Macbeth allo Staatsoper di Amburgo diretta da Carlo Montanaro. Travolgente Abigaille nel Nabucco di Verdi con la Auckland Philarmonia Orchestra, trasmessa live per la radio Neo Zelandese. Struggente Butterfly allo Staatsoper di Hannover.

La stagione 2013/2014 si è aperta col debutto della Marrocu al Teatro "Verdi" di Trieste nel ruolo di Gulnara, per la nuova produzione de Il Corsaro che apriva l'anno delle celebrazioni del bicentenario Verdiano, con il M° Gelmetti nella doppia veste di regista e direttore d'orchestra. Ha interpretato Floria Tosca allo Staatsoper di Amburgo, Minnie ne La Fanciulla del West all'Opéra Royal de Wallonie diretta da Gelmetti e Lady Macbeth alla Bayerische Staatsoper di Monaco.                                                                     Ha debuttato nella regia in una bella produzione de La Serva Padrona di Pergolesi di cui firmava anche scene e costumi al Teatro "Conte Bonoris" di Montichiari, poi ripresa al Castello di Desenzano e al "Festival Muzika Na Zici" di Sarajevo. Sempre a Sarajevo a Tenuto un Recital Verdiano al "Narodno Pozoriste" in diretta sulla Radio di Stato.            

E' stata ospite a fianco di stars internazionali del calibro di Riccardo Cocciante e Linndsay Kemp nel Concerto Evento "Andrea Bocelli Presenze" al Teatro del Silenzio di Lajatico a sostegno dei bambini di Haiti.                                                                     Nel marzo 2014 ha firmato regia-scene e costumi dell'applauditissima Bohème prodotta dalla Bottega della Lirica in collaborazione col Teatro "Boniris" di Montichiari, che vedeva in scena due cast di giovani talenti, poi ripresa con uguale successo al Teatro di Cellatica - BS la stagione seguente. 

Sempre nella stagione 2013/14, Paoletta Marrocu ha debuttato il temibile ruolo di Berbera-Jonia nella nuova produzione de I Shardana per la bellissima regia di Davide Livermore, riproposto dal Teatro Lirico di Cagliari dopo 50 anni di assenza dalle scene.

Ha interpretato il ruolo de La madre nel Prigioniero di Dallapiccola con la Symphonie Orchester des Bayerischen Rundfunks di Monaco, diretta live sotto la energica guida di Esa-Pekka Salonen ed in seguito è stata sensibilissima protagonista della Manon Lescaut di Puccini al Teatro Verdi di Salerno per la direzione di Paternostro.

E' protagonista della Carmen di Bizet nell'incantevole cornice della Villa Margherita dell'Estate Trapanese 2014. 

La stagione 2014/15 la vede impegnata come regista de La Serva Padrona al Castello di Moniga, poi è l'agguerrita Abigaille del Nabucco di Verdi alla Bayerische Staatsoper diretta da Paolo Carignani.

Tiene numerosi concerti, tra cui il tradizionale Concerto di Natale del Banco di Sardegna nella suggestiva Cattedrale di Sassari.

Dirige in diverse date il Coro Polifonico San Marco e la formazione degli Esta Noche Singers (di cui segue la formazione già da alcuni anni).

In aprile è stata l'acclamata Santuzza della Cavalleria Rusticana di Mascagni al Teatro Massimo di Palermo.

Prossimamente sarà impegnata in Masterclass di alto perfezionamento vocale e si prepara al debutto nella Jura di G.Gabriel (ruolo che fu della mitica Carmen Melis) per la nuova produzione del Teatro Lirico di Cagliari.

 

Nel 1998 Paoletta Marrocu è stata nominata “Artist for Peace“ dalla UNESCO di Parigi.

L'artista ha al suo attivo diverse registrazioni di CD e DVD, molte delle quali dal vivo: Cavalleria rusticana a fianco di Andrea Bocelli per DECCA, Il Teseo Riconosciuto di Spontini diretta da A.Zedda, Il Turco in Italia di Rossini, Messa e Magnificat di Cavalli, Aids Gala per RCA diretta da K.Nagano, Due Messe Catanesi di Bellini per Nuova Era, Macbeth per TDK con Thomas Hampson e Cavalleria Rusticana per Arthaus Musik con José Cura entrambi all’Opernhaus di Zurigo, Assassinio nella Cattedrale di Pizzetti per DECCA (Diapason d’Or 2008), Il Tabarro per Hardy Classics da La Scala di Milano diretta R.Chailly, Poliuto a fianco di Gregory Kunde dal "Gaetano Donizetti Bergamo Musica Festival", I Shardana di E.Porrino con la bellissima regia di Davide Livermore per Dynamic.